Benvenuti All'

ASD American Snipers Paintball

di... TORRE DEL GRECO

I nostri Campi di Paintball

Il gioco

Il Paintball oggi è lo sport estremo dalla crescita più veloce, con oltre 10 milioni di persone che lo praticano nel mondo ogni anno. Ma come nacque il Paintball? Nacque intorno al 1950, nelle operazioni del lavoro della Nelson Paint Company, un'azienda che operava nei servizi per le foreste nordamericane, che utilizzava fucili con palline colorate per marcare sia gli alberi da abbattere che le mucche al pascolo nei prati e che dovevano essere marcate. Circa 20 anni dopo, alla fine degli anni '60, due ragazzi nei boschi di Henniker, nel New Hampshire, decisero di utilizzare questo metodo per costruire le regole di un gioco che diventerà il Paintball moderno. image Oggi il Paintball è uno sport a tutti gli effetti e che è diffuso in tutto il mondo in oltre 100 paesi, visto come un'attività dal grande interesse e divertimento. I marcatori - così vengono chiamati i fucili - del Paintball iniziarono ad essere prodotti nei primi anni '70, quando James Hale dell'azienda manifatturiera Daisy inventò e brevettò un fucile appositamente utilizzato per marcare gli alberi. I principali inventori del gioco del Paintball furono Bob Gurnsey, un venditore di articoli sportivi, Haves Noel, uno stockbroker, e Charles Gaines, uno scrittore. Il paintball fu accettato come sport a tutti gli effetti nella sua prima apparizione come gioco il 27 Giugno del 1981 in New Hampshire quando 12 amici utilizzarono fucili a palline di vernice per giocare ad un moderno "cattura la bandiera" in un campo chiuso di circa 100 acri. La leggenda dice che il vincitore catturò la bandiera senza neanche sparare un colpo! Il gioco progredì nel tempo, e piccoli miglioramenti ai fucili furono adottati, principalmente controllando e limitando la potenzialità di fuoco. Le palline di vernice furono modificate anch'esse e passarono da una base all'olio alla base ad acqua permettendo così di pulirle facilmente sui vestiti. image Il gioco entrò direttamente nel mercato con Charles Gaines ed indicato come "National Survival Game" (NSG), un nome che indica bene la natura delle origini del Paintball e come fu giocato per le prime volte. All'inizio solo occasionalmente gruppi di persone giocarono il Paintball dividendosi in due squadre, ma spesso veniva giocato singolarmente. Non appena il Paintball divenne più conosciuto subito lo standard divenne di giocare con un team e non singoli. Molte differenti varianti del gioco furono inventate, ma il "cattura la Bandiera" fu ed è ancora oggi la più importante e la più praticata. Con lo sviluppo dello sport si sono costituiti nel tempo mercati e professionalità del gioco, compresi gli stessi giocatori e i campionati. I primi campi outdoor furono aperti nel 1982 in Rochester, NY, da Caleb Strong e lo stesso aprì il primo campo indoor nel 1984 a Buffalo, NY. Iniziò da quegli anni la diffusione dei campi e l'apertura in numerosi stati negli Stati Uniti. Questo permise che sempre più gruppi di persone iniziarono a giocare e quindi iniziò la diffusione a più larga scala del gioco, intrattenendo e facendo divertire sempre più persone. Iniziò ad uscire e si diffuse velocemente il "Bunker-Style", con ripari artificiali dove nascondersi e questo aiutò la diffusione dei campi e del gioco, creando benefici a tutti, anche ai più piccoli campi aperti e non solo ai grandi complessi di gioco. Numerosi giocatori poterono iniziare a praticare lo sport e velocemente, senza necessità di andare alla ricerca di un bosco o di un ambiente di campagna dove giocare. Nello stesso tempo crebbe il mercato sia dei costruttori dei campi che delle manifatture per gli elementi del gioco, non solo fucili, ma anche protezioni e tutto il necessario per giocare.
Sebbene la maggior parte dei giocatori giochi oggi il Paintball a livello di divertimento, di puro sport non professionale, da tempo si sono formate leghe di giocatori professionisti e campionati di alto livello nel mondo. Il primo torneo con premi fu organizzato nel 1983 con un montepremi di 14.000 $, mentre oggi i tornei professionisti hanno montepremi di centinaia di migliaia di dollari. Nel 1992 la NPPL ( National Professional Paintball Legue) è diventata la maggior lega professionistica, negli Stati Uniti e nel mondo.